LA CONQUISTA DELLA LUNA

fasi-lunari-cosa-come-mangiare-min

Il 12 settembre 1962, John F. Kennedy, si trovava alla Rice University di Houston, per la “nomina di professore ad honorem” e in questa particolare occasione, tenne un discorso  molto importante che viene ricordato come quello che diede il via – o per meglio dire accelerò il processo  – alla conquista dello spazio da parte dell’America. Gli Stati Uniti dovevano  recuperare sulla Russia,  che alla data di quello  speech,  non solo  aveva mandato in orbita diversi satelliti Sputnik, ma Jurij Gagarin fu il primo uomo nello spazio.  Nessuno poteva immaginare che John Kennedy non avrebbe gioito di questa “avventura spaziale”  per i noti accadimenti, ma come è noto, il 20 luglio del 1969 l’uomo scese sulla Luna e, pur rappresentando un po’ tutta l’umanità, quegli uomini erano americani. Il suo discorso aveva tanti risvolti, sia politici che propagandistici, ma il programma spaziale Apollo aveva avuto il placet del presidente USA. Ed ecco un passaggio saliente: …”Nessuna nazione che aspiri a un ruolo guida rispetto alle altre può pensare di restare in disparte nella corsa allo spazio. Abbiamo deciso di andare sulla luna. Abbiamo deciso di andare sulla luna in questo decennio e di impegnarci anche in altre imprese, non perché sono semplici, ma perché sono ardite, perché questo obiettivo ci permetterà di organizzare e di mettere alla prova il meglio delle nostre energie e delle nostre capacità, perché accettiamo di buon grado questa sfida, non abbiamo intenzione di rimandarla e siamo determinati a vincerla, insieme a tutte le altre”…

Il documentario Apollo 11 vi terrà con il fiato sospeso dall’inizio alla fine. All’inizio della proiezione in anteprima mondiale, il pubblico del Sundace Festival deve essere rimasto incredulo, perché le immagini di APOLLO 11, l’evento cinematografico proposto nelle sale per l’anniversario dello sbarco sulla Luna, sembrano girate una manciata di settimane prima, tanto straordinaria è la qualità che le contraddistingue.

Quando 50 anni fa, nel 1969, la missione Apollo 11 si avviò verso lo spazio, vennero infatti girate centinaia di ore di immagini in formato 70 mm: pellicole straordinarie riscoperte solo recentemente da un archivista del NARA (National Archives and Records Administration), l’agenzia statunitense che si occupa di preservare documenti governativi e storici. Immagini che il regista Todd Douglas Miller non ha esitato a definire “la collezione di riprese di miglior qualità sulla missione Apollo 11”. Da quello stesso archivio, sono state anche recuperate circa 11 mila ore di dialoghi Nasa sulla missione.

Grazie a questo incredibile materiale digitalizzato in 4K, Todd Douglas Miller ci conduce direttamente nel cuore della più celebre missione della NASA, quella che per prima ha portato l’umanità sulla Luna, consegnando alla storia gli astronauti Neil Armstrong e Buzz Aldrin, i primi a toccare il suolo lunare, assieme a Michael Collins, pilota del modulo di comando.

Con immagini fedelmente digitalizzate in 4K, mai viste prima, progettate sin dalle origini per essere guardate sul grande schermo e con una colonna sonora elettronica “propulsiva”, il regista Todd Douglas Miller (premiato agli Emmy per Dinosaur 13) trasporta letteralmente il pubblico sulla Luna e gli fa fare ritorno sulla Terra attraverso una sbalorditiva ed entusiasmante documentazione della storica missione.

APOLLO 11 al Sundance Film Festival 2019 si è aggiudicato il Premio Speciale della Giuria Documentari per il Miglior Montaggio. Proprio quel montaggio serrato ci permette di rivivere, nel senso più stretto del termine, quei momenti di 50 anni fa, facendoci immergere nella prospettiva degli astronauti, della squadra ‘Mission Control’ e dei milioni di spettatori sintonizzati sulla terra (20 milioni solo in Italia e 900 milioni nel mondo), con tutta l’adrenalina di quei giorni e la tensione di quelle ore memorabili in cui il genere umano fece un balzo gigantesco verso il futuro.

Acclamato come nuovo punto di riferimento nel cinema documentario, APOLLO 11 sarà distribuito nelle sale cinematografiche italiane solo il 9, 10, 11 Settembre da Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio DEEJAY, MYmovies.it e Discovery Channel. Le prevendite dell’evento cinematografico apriranno ufficialmente dal 20 luglio, a 50 anni esatti dallo sbarco sulla luna.

Neil Armstrong commentò l’evento come … “un piccolo passo per un uomo, un salto da gigante per l’umanità”.   Sicuramente da non perdere per chi non può dire “Io c’ero” ... come me …

La Redazione

nexodigital.it

Commenta per primo