849 e Paul Smith

ImagePaulSmithV1_2970x1500px-1920x1080

Caran d’Ache 849 e Paul Smith. Due maestri del colore per una penna di culto. E poi, diciamocelo, chi meglio di Paul Smith poteva interpretare al meglio questo strumento da scrittura così versatile ? Pochi. Ma lui, con quel suo gusto di accostamenti di colori e la grande passione di  righe e dettagli … beh,  posso dire che sicuramente è stato un gioco che l’ha divertito molto !!!

Caran d’Ache, per i “suoi primi 100 anni”, è orgogliosa di presentare la nuova collezione 849, nell’originale slim pack e nei dieci colori esclusivi firmati da Paul Smith. La 849 di Caran d’Ache è un’icona della scrittura e del design, che sorprende ad ogni riedizione per la freschezza e la novità delle proposte.

 

 

 Paul Smith, che utilizza da molti anni la 849, condivide con Caran d’Ache due valori importanti: la qualità nella manifattura e il gusto moderno nel design e nei colori. Questa la dedica di Paul alla collezione 849 Paul Smith: “Uso Caran d’Ache da molti anni e in occasione dei suoi 100 anni, ho creato una collezione con dieci nuovi esclusivi colori. Spero vi piaceranno”.

Paul Smith è uno dei più celebri stilisti inglesi. E’ conosciuto per lo spirito creativo, che combina tradizione, modernità e grande cura dei dettagli. Famoso per le collezioni di abiti e accessori, Paul Smith ha un design innovativo e un senso del colore assolutamente unico: il risultato sono oggetti bellissimi, molto glamour e di gran classe.  E’ un creatore di gusti, un leader delle tendenze del design internazionale. I riferimenti culturali eclettici e le combinazioni originali di motivi e di colori – applicate con vero understatement British – fanno di Paul Smith l’espressione dell’estetica contemporanea.

Paul Smith_Caran D'Ache Portrait_2    Caran d'Ache Paul Smith gammaPaul Smith_Caran D'Ache Portrait_1

La nuova collezione 849 Paul Smith di Caran d’Ache è distribuita in Italia da Whynot  nei negozi specializzati nella scrittura, nelle migliori cartolerie e nei punti vendita che fanno tendenza.

 

di Giovanna Cappuccio

 

carandache.com

 

Commenta per primo